Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito

Moneta e Debito

Esiste una verità fondamentale sul tema moneta e debito, ma la cosa è conosciuta da pochi e quasi nessuno pensa di poter o dover occuparsene realmente. Coloro che hanno agito per cambiare la situazione furono assassinati o sono stati messi a tacere in altro modo, nel momento in cui la soluzione eradiventata tangibile.

 

La verità è così mostruosa che ci pare proprio incredibile. Preferiamo non pensarci, specialmente perché abbiamo degli “esperti” che dovrebbero saperne tutto, allora perché noi “non esperti” dovremmo cercare diconoscerne i segreti?

 

Il Problema

Siamo perfettamente a conoscenza del problema, che peraltro è ben ovvio, mala soluzione ci sfugge, forse perché pensiamo che il problema è troppo grande da non poter essere risolto.

Il problema, in poche parole, è che né i governi né la stragrande maggioranza della gente ha soldi. Forse suona esagerato ma, pensandoci bene, vediamo che è la verità. I governi, di qualunque colore, siano essi liberali, socialisti, conservatori, democratici o altro, non hanno soldi. Ci tartassano quasi a morte e ciò nonostante, fanno altri debiti. E la maggior partedi essi è così indebitata, che quasi non ci sembra possibile riuscire a ripagare quanto è stato preso in prestito. Una percentuale altissima di tutte le tasse che entrano nelle casse dello Stato viene spesa per “servire il debito”, cioè per pagare gli interessi sul debito pubblico, prima ancora di discutere come impostare il capitolo spese della legge finanziaria. Se ai governi manca la liquidità, i cittadini non sono messi meglio. Basta guardarsi intorno e vediamo le famiglie alle strette finanziarie, anche se non manca la volontà di lavorare. Molte volte sia marito che moglie hanno un impiego, a discapito della vita di famiglia e dei bambini, e spesso anche in quel caso i soldi bastano a malapena per le spese e le ferie una volta l’anno. Potete dire che questo è normale, è sempre stato così e non ci si può fare niente. Lo vedete? E’ quella la risposta che siamo stati programmati a dare. Il problema c’è, ma è così grande ed è così prevalente nella vita di ognuno di noi, ed è un nodo così “complicato” che dobbiamo per forza lasciare che “gli esperti” lo sciolgano.Vero? No, non è vero per niente. Qual è il primo passo per risolvere un problema? Dobbiamo renderci conto della sua esistenza. Cominciate ad osservare la realtà intorno. Provate a sapere quanto il vostro governo spende ogni anno per gli interessi sul debito pubblico. Informatevi quanto i paesi in via di sviluppo pagano per gli interessi sui debiti. Osservate quanta gente dai paesi del terzo mondo emigra ovvero immigra nel nostropaese cercando solamente un sollievo dalla disastrosa situazione economica. Rimarrete sorpresi. La CausaOra che abbiamo capito che un problema esiste, dobbiamo fare il passo successivo, cioè dobbiamo individuarne la causa. Una cosa che certamente non possiamo fare è rimetterci agli “esperti”, perché se loro sapessero, ci avrebbero avvertito tempo fa e saremmo già sulla buona strada per porre rimedio a questo schifoso stato delle cose. Non è che la causa sia sconosciuta. Ci sono alcune persone ed anche qualche organizzazione che disperatamente cercano di darci delle informazioni in proposito. Purtroppo non hanno accesso ai media di larga diffusione, e seavessero l’accesso, e mettessero in piedi una campagna, potrebbero ancheb trovarsi di fronte a qualche serio problema. Suppongo che siate curiosi ormai di sapere che cosa sia la causa, e se noi, semplici cittadini, possiamo fare qualcosa per porre rimedio. Non è utile anessuno trovare la causa del male se scopriamo poi che niente si può fare.Potevamo risparmiarci la fatica e fare qualcosa più piacevole.Senza farvi ancora aspettare, butto qui la patata bollente: I soldi vengono messi in circolazione non dai nostri governi ma da un monopolio privato gestito dalle banche. E così semplice. Ma potreste dire: anche se fosse così, qual è il problema? Affrontiamo un argomento per volta.

 

La Creazione Della Moneta

Sembrerebbe naturale che la moneta venga creata dallo Stato e infatti, le Banche Centrali sembrano essere proprietà dello Stato anche se godono di una certa autonomia. Dico “sembrano” perché le banche centrali, che quasi costituiscono un quarto potere, oltre a quelli tradizionali dello Stato, sono solo in apparenza sotto il controllo dei poteri dello Stato. Quando lo Stato ha bisogno di soldi, non impartisce alla Banca centraleun’ordine di accreditare una somma sul conto della tesoreria. Lo Stato può ottenere i soldi solo in due modi. Uno è di tassare i cittadini, l’altro è diprendere un prestito. Quando la Banca centrale mette soldi in circolazione, lo fa sotto forma diprestito. Lo Stato deve chiedere questi soldi in prestito e si deve impegnare diripagarli con interessi. Lo stesso succede quando un privato ha bisogno difinanziare un acquisto e gli mancano i fondi liquidi. La banca è felice di dare un prestito, finché potete portare delle garanzie e finché promettete di ripagare con interessi. Come possono le banche creare questi fondi? Buona domanda. Non è la Zecca dello Stato l’officina dove vengono fabbricati tutti i soldi? Le banconote, quando vengono stampate, vengono considerate proprietà della Banca centrale. Non vengono date allo Stato da utilizzare per le sue spese, ma vengono invece immesse nella circolazione chiedendo una contropartita. Chiunque voglia alcune di queste banconote da spendere, deve “comprarle”, cedendo una parte del suo credito. Ma in ogni caso, la grande maggioranza dei soldi che circolano (più del 90%) non sono banconote e monete, bensì “credito”. Quando andate dalla Vostra banca e chiedete un prestito, questi “soldi” vengono creati dalla banca lì per lì, scrivendo delle cifre sul vostro conto.Questi soldi si possono ritirare in banconote, cosa che succede raramente, o si possono spendere scrivendo degli assegni. Le banche tengono solo una piccola parte dei loro crediti in contanti, il resto viene movimentato spostando delle cifre da un conto ad un altro. La cosa più importante da sapere: I soldi vengono creati immettendo dei numeri in un computer. Nella pratica, succede così: Perogni 10.000 che la banca concede in prestito, deve depositare 1000 o 2000 nella Banca centrale. Questo significa, se una banca raccoglie 100.000 indepositi, potrebbe tenersi 10.000 in contanti e depositare 90.000 con la Bancacentrale. In seguito, la banca può creare 900.000 di soldi freschisemplicemente scrivendo queste cifre sul conto di alcuni suoi clienti!Nel caso il governo abbia bisogno di soldi, la procedura è leggermente diversa,ma sempre con lo stesso risultato. Il governo deve emettere dei buoni, che sonocertificati di prestito, carte per le quali il gove rno può accettare soldi, e con lequali promette il successivo risarcimento della somma, maggiorata da”interessi”. Questi certificati vengono “comprati” dalle banche. Possono essere rivenduti ai propri clienti o possono rimanere in mano alle banche. Al governo, in cambio, viene accreditata una somma corrispondente. L’ironia della situazione è che il governo, che dovrebbe essere l’autorità che emette i soldi chec ircolano nel paese, è costretto a prendere soldi in prestito dai privati (attraverso le banche) e a pagare interessi per questi prestiti. Adesso cominciamo a capire perché il governo non ha mai soldi e perché molte delle nostre tasse che entrano nelle casse dello Stato, vengono utilizzate perpagare interessi sul debito, prima che si pensi ad affrontare le vere e proprie spese dello Stato.

 

Il Meccanismo Diabolico

Che succede quando un debito viene ripagato? Questo è interessante. Gli interessi pagati sono diventati proprietà della banca e la cifra che era stata concessa in prestito, viene distrutta. Allo stesso modo la somma che venne”creata” all’atto di concedere il prestito, adesso viene “discreata” (uncreated) o distrutta, una volta il prestito è stato ripagato. Significa che la Vostra banca può creare dei soldi sostanzialmente dal nulla, può appropriarsi degli interessi e poi può distruggere questi soldi, solo per ripetere il ciclo con un nuovo cliente. Se vi siete mai chesti da dove vengono i fondi per comprare gli edifici migliori e più grandi della città, qui troverete una spiegazione. Se questo vi sembra ingiusto, aspettate di leggere la parte diabolica! Ogni economia nazionale ha bisogno di soldi così che merci e servizi possano essere venduti ed acquistati. Se i soldi sono troppo pochi, le merci non potranno essere vendute, i prezzi si abbasseranno e questa situazione viene chiamata “deflazione”. Se la moneta diventa ancora più scarsa, alla fine l’economia entrerà in recessione, la produzione si ferma, il lavoro non c’è più, inizia ad affacciarsi la miseria. Perciò, è molto importante che la quantità di moneta in circolazione sia sempre sufficiente affinché la gente sia in grado di comprare la merce ed i servizi che vengono offerti. L’altro estremo è quello della relativa abbondanza di liquidità, che porta all’inflazione. I prezzi salgono, il “potere d’acquisto” della moneta si erode. L’inflazione è indesiderabile quanto lo è la deflazione. L’ottimale è una moneta con un potere d’acquisto stabile. Oggi, il governo non ha che strumenti indiretti per assicurare questa stabilità, essendo la creazione del credito largamente a discrezione delle banche. Inoltre, visto che il Governo non può creare la sua moneta, l’unica via per far sì che l’economia disponga di moneta a sufficienza, è di continuare a prendere prestiti! Certo questo significa continuare a pagare interessi! E’ questa la ragione perché i governi non hanno mai soldi e perché lavoriamo più di sei mesi l’anno per lo Stato. Paghiamo gli interessi, in aggiunta alle spese dello Stato. Diabolico, no? Un monopolio privato ad opera delle banche mette incircolazione la nostra moneta, cominciando dalla Banca centrale e, così diseguito, tutte le altre banche. Sono le nostre leggi bancarie che permettono alle banche di creare e sfruttare il credito, piuttosto che il governo, che dovrebbecreare la moneta per i propri cittadini.

 

La Soluzione

Avendo trovato la ragione per le difficoltà economiche e la miseria, ed avendola descritta con esattezza, una soluzione praticabile ci salta subito nell’occhio. E’ necessario cambiare le leggi bancarie per escludere l’autonoma creazione di credito dalla parte delle banche, eccetto la creazione di nuova moneta e nuovo credito ad opera della Banca centrale, da mettere in circolo come credito per icittadini, non come debito. La creazione della moneta deve tornare sotto la sovranità del popolo e deve essere a diretto benefico di ognuno di noi. Come si può evitare che le banche creino moneta? Molto semplice. Si richiede che, invece della bassa percentuale di deposito oggi necessaria alle banche perogni prestito concesso, esse debbano avere un deposito dell’intera somma (100%) presso la Banca centrale. Questo significa che una banca potrà collezionare i depositi dei propri clienti e depositarli presso la Banca centrale.Solo da quel momento potrà concedere prestiti per l’ammontare della sommadepositata.Torniamo ora alla creazione della moneta che dovrà tornare sotto controllo del governo, ovvero sotto controllo dei cittadini. E’ un problema questo che acquista grande importanza. Per primo, ci deve essere un meccanismo che ci permette di controllare l’andamento dei prezzi in modo continuo. Disponendodi un tale meccanismo, è possibile che l’autorità monetaria, investita delcompito esclusivo di creare la moneta, eserciti un controllo esatto sul potered’acquisto della moneta, avendo così l’inflazione e la deflazione sotto il suo diretto controllo. Secondo il principio che l’ammontare della moneta in circolazione deve coincidere esattamente con la totalità delle merci e dei servizi che vengono offerti, possiamo eliminare l’inflazione e stabilizzare la moneta con un meccanismo molto semplice. All’autorità monetaria viene assegnato il compito di stabilizzare l’indice dei prezzi. Questo compito viene assolto mediante la messa in circolazione di nuova moneta al primo segno di un’abbassamento dei prezzi, e il corrispondente ritiro di liquidità quando i prezzi accennano ad alzarsi. Non c’è assolutamente una necessità di accettare un’instabilità dei prezzi! E’ importante sapere che l’inflazione è dovuta al fatto che in circolazione cisono più soldi di quelli necessari all’acquisto delle merci e dei servizi offerti, eche la deflazione è la situazione opposta, ovvero insufficiente moneta in circolazione. Questi fatti sono conosciuti da svariati decenni, solo che, con la creazione della moneta nelle mani delle banche (dei privati) invece di un’autorità centrale (pubblica) era finora difficile livellare la quantità dimoneta alle vicissitudini dell’attività economica.

 

Moneta Credito Verso Moneta Debito

Allo stato attuale, la moneta viene creata in forma di credito per le banche, eviene messa in circolazione in forma di debito per chi prende il prestito,cittadino privato o Stato chicchessia. Chiaramente il prestito deve essere ripagato, i soldi vengono considerati “proprietà della banca”. Per questa ragione dobbiamo pagare interessi. Preferisco chiamare questa moneta la “moneta debito” ed ho già messo in evidenza che è la causa di molta sofferenza. La moneta credito invece non ha di questi inconvenienti. Questa moneta, dopo essere creata, viene data ai cittadini, non in forma di prestito, bensì in forma di accredito dell’utile dello sviluppo economico. Quando si crea una nuova moneta, non sono state le banche a lavorare ma i cittadini, e così la proprietà della moneta, una volta creata, spetta ai cittadini, non alle banche.

 

Credito Sociale

Questo si potrebbe chiamare un sistema di credito sociale. In fatti, il termine Social Credit – credito sociale – fu coniato da un certo Clifford HughDouglas. Poi il cittadino canadese Luis Even dette larga diffusione a questafilosofia fondando una pubblicazione per portarne i principi a conoscenza delpubblico. Non posso pretendere di descrivere qui il sistema del credito socialema certamente, la moneta credito ne è una parte importante.Quando la moneta viene messa in circolazione dalla Banca centrale, è giusto che sia proprietà di tutti noi che abbiamo contribuito in un modo o nell’altroalla crescita dell’economia reale. Noi produciamo, viviamo, consumiamo, abbiamo nuove idee, mettiamo su famiglia, impariamo, impartiamo agli altriquello che sappiamo. Tutte queste attività ed altre ancora sono alla base della vita economica del paese e perciò sembra logico che i benefici derivati dalla messa in circolazione della moneta non debbano essere un’esclusiva di pochi banchieri bensì vadano distribuiti a tutti quei soggetti che concorrono nella vitaeconomica del paese.

 

Che cosa fare

Dopo aver posto fine al monopolio privato di creazione della moneta attraverso l’obbligo di un deposito presso la Banca centrale pari al 100% dei crediti concessi, si dovrà decidere come la creazione della moneta avverrà in futuro, ecome possiamo assicurare che ogni cittadino percepisca la sua parte dei proventi dall’incremento dell’attività economica. Qualcuno potrà dire che lo Stato debba esercitare il potere di creazione della moneta e che questa moneta debba entrare nelle casse dello Stato. Questo tipo di ragionamento, anche non essendo privo di una certa logica, non rispettaperò il principio di dare ad ogni cittadino quello che è di sua spettanza. Visto che stiamo tutti contribuendo, in un modo o nell’altro, all’attività economica del paese, vi presenterò qui una proposta ideata dal prof. Giacinto Auriti dell’Università di Teramo. Questa proposta è stata presentata come disegno di legge No. 1282 al Senato da alcuni Senatori, l’11 gennaio 1995. Il testo è, nella sua brevità e semplicità, di estrema chiarezza. La proposta è:

Articolo 1) La moneta all’atto dell’emissione nasce di proprietà dei cittadini italiani e vaaccreditata dalla Banca centrale allo Stato.

Articolo 2) Ad ogni cittadino è attribuito un codice dei redditi sociali mediante il quale gliviene accreditata la quota di reddito causato dalla emissione monetaria e daaltre eventuali fonti di reddito. Auriti è stato ordinario di diritto e la sua spiegazione del principio dietro questa proposta, qui riportata in estrema sintesi, è piuttosto esplicita. Auriti spiega che il nostro sistema monetario è la più grande frode nella storia umana. I cittadini vengono illegalmente deprivati del doppio dell’ammontare totale della moneta in circolazione. Non solo infatti non gli si è dato la parte spettante loro dell’incremento delle attività economiche, ma quando questa parte venivamessa in circolazione, fu data in prestito, cioè fu richiesta una contropartita uguale all’ammontare della massa monetaria stessa aggiungendo, per così dire, il danno alla beffa.

 

Un’Avvertenza Finale

Non credete che un mutamento così drastico del sistema finanziario sia possibile ottenerlo attraverso la sola opera dei politici, ammesso che siano essistessi propensi a chiederlo. Non sarà possibile senza un sostegno pubblico veramente convincente. Siamo tutti chiamati, adesso che abbiamo scoperto la causa della miseria e delle difficoltà economiche, a lavorare affinché la situazione cambi, girando queste informazioni ai politici e dandogli il sostegno necessario. Potete fare copie di questo articolo e distribuirlo ai vostri amici, mapensate anche all’azione vera e propria. Non darò qui dei suggerimenti su che cosa fare, ognuno saprà meglio come comportarsi. La scelta è vostra, unico avvertimento: non dite che non sapevate nulla.

Post Correlati

Commenti